Baku 2015 1st European Games

Baku1It is not by chance if sport and philosophy find their origins within the same culture, the Ancient Greek one. A culture in which the development of men was equally measured in terms of their physical and spiritual well-being. Sport is a universal language, understandable since a first glance. It is one of the highest interpretations of human reality as it reconciles instinct with rationality, substance with spirit.  It can be considered as an artistic expression when it is performed at the highest level, and athletes pursue their goals with an almost scientific method.

On the 12th of June the first edition of the European Games set off in Baku, the Azerbaijani capital, a multi sports event which gathered together more than 6000 young athletes from all around Europe and that will last until the 28th of June. These games have been defined as “the small Olympics”, just in a European context. In the spotlight of this event there will be twenty sports and thirty disciplines that will award 253 golden medals. The idea of the European Games dates back to 2012, when the General Assembly of the European Olympics Committees decided to establish a European competition to take place every four years. Eleven sports will secure athletes the qualification for the Rio Olympics in 2016: archery, taekwondo, athletics, tennis table, swimming, boxing, cycling, triathlon, shooting gallery, wrestling and volley.

The Games represent a great showcase for a rapidly developing country like Azerbaijan. Hosting these events reflects the paramount of the economic and social development of the Caucasian country, which goes beyond its rich oil revenues. The Azerbaijani government declared a budget of 6 billion for the event, estimates which resulted immediately too modest for several economists. Furthermore this budget did not include the reception of the athletes, including travel expenses, board and lodging.

Besides this great opportunity, another relevant change has occurred in the Azeri international relations. Indeed on the 14th of May Azerbaijan was assigned the Presidency of the Ministers Committee of The European Council. A choice which caused more than few controversies, particularly from human right activists who claimed the illegitimacy of the election as the country does not comply with the minimum democratic values promoted by the Council itself.

Certainly the enhancement of democracy and civil right cannot keep on with the pace of the flourishing economy in the Caucasian country. Notwithstanding the many human and civil rights issues that involved Azerbaijan, in 2001 the country has been allowed to enter in the European Council, hoping that its entrance would have promoted an improvement of the political situation and it would have pushed for concrete actions in favor of human rights. Unfortunately this hope didn’t materialize and after ten years of government leaded by Ilham Aliyev the living condition in the country even worsened with respect to 2001. Freedom House classified Azerbaijan as the only country in the Caucasus which still holds a “non-free” status from the point of view of democratic liberties. It is estimated that more than one hundred political prisoners are currently held in detention in Azerbaijan prisons; among them there are bloggers, journalists and members of the opposition to the government often unfairly accused of detention of illegal substances or weapons, or arrested after show trials.

The European Stability Initiative (ESI), an influential think thank that deals with human rights defense, already published several reports with the aim of arising awareness around the Azerbaijani political circumstances and its relations with the European Parliament and the OECD. In order to further denounce the violation to freedom and human rights that are committed on a daily basis, on the 23rd of April 2014 the ESI sent an open letter to 125 present and former members of the Parliamentary Assembly of the Council of Europe (PACE), calling for an engagement/commitment of the EU in the cause of political prisoners in Azerbaijan:

Here is the bitter irony: as Azerbaijan prepares to assume the chair of the Committee of Ministers of the Council of Europe, it has never had more political prisoners than right now. There are many more political prisoners in Azerbaijan today than these ten. There should not be any in a Council of Europe member state. PACE, since January 2013, has so far turned its eyes away. We hope you can help us change this, before it is too late.” (source: European Stability Initiative)

Baku2

In the same direction, last 12th of May the European Parliament held an event called “Baku Games – Run for Human Rights”, promoted by vice-president Ulrike Lunacek. The hope of the many institutions and organization which took part to the meeting is that the call for immediate release of political prisons will no longer be ignored by the government in Baku.

Recently the UN special relator for Human Rights, Michel Forst, in a joint declaration with the OECD Representative on Freedom of the Media, Djuna Mijatovic, addressed publicly the European Commissioner of Human Rights Nils Muižnieks, pointing the moral and political necessity of the release of the political prisoners before the start of the races for medals in Baku.

If we promote and require an ethical code in sports for our athletes, how can a country that systematically violates the most fundamental democratic freedoms, be authorized to host such an important event?

——————–

Non sarà un caso se sia lo sport che la filosofia hanno visto la loro nascita dalla stessa cultura, quella della Grecia antica, dove lo sviluppo dell’uomo doveva considerare di pari importanza corpo e mente. Lo sport è linguaggio ed espressione universale, è comprensibile alla semplice osservazione, porta ad una conoscenza e ad una interpretazione della realtà umana nella misura in cui mette a confronto l’istinto e la razionalità, lo spirito e la materia. È arte quando viene eseguito ai massimi livelli, è scienza quando l’atleta raggiunge determinati risultati.

Baku 3

Il 12 giugno in Azerbaijan, nella capitale Baku, ha avuto inizio la prima edizione dei Giochi europei. Una manifestazione multi sportiva che ha radunato moltissimi giovani atleti europei che torneranno nella propria patria il 28 giugno. Sono state definite delle “piccole Olimpiadi” ma solo europee. Sulla scena 20 sport e 30 discipline che assegneranno 253 medaglie d’oro. Il medagliere al momento è guidato dalla Russia. Stanno partecipando circa seimila atleti che danno vita a uno spettacolo straordinario, esempio della bellezza dello sport e di queste competizioni.                   I Giochi Europei sono nati a seguito di una decisione presa a Roma nel 2012 dall’Assemblea Generale dei Comitati Olimpici Europei e si terranno ogni 4 anni. Ben 11 sport permetteranno agli atleti la qualificazione alle Olimpiadi di Rio 2016 quali: tiro con l’arco, tiro a segno, pugilato, atletica, ciclismo, nuoto, tennis da tavolo, taekwondo, triathlon, lotta e volley.

Si tratta di un’occasione unica di visibilità internazionale per un paese ricco di materie prime. Per l’ Azerbaijan, questi giochi europei, sono solo la punta dell’ iceberg di uno sviluppo economico figlio non solo delle risorse petrolifere e dell’ estrazione del gas ma di una politica socio-economica di spessore. Il governo azero ha comunicato una spesa di circa un miliardo di dollari per i lavori, cifre non realistiche secondo gli economisti. Questo senza contare la regale accoglienza riservata a atleti e delegazioni straniere: viaggio, vitto e alloggio.

Tutto questo accade mentre l’Azerbaijan lo scorso 14 maggio ha assunto ufficialmente la presidenza del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa. La scelta di assegnare, per rotazione, questa carica all’Azerbaigian ha però suscitato non poche polemiche da parte di numerosi attivisti e delle maggiori associazioni a difesa dei diritti umani, le quali hanno evidenziato le gravi criticità che affliggono il paese dal punto di vista del sociale, e denunciato al Consiglio d’Europa l’”illegittimità” della presidenza dell’Azerbaigian, il quale non avrebbe i requisiti necessari per assumere il comando del Comitato dei Ministri, in quanto la problematica situazione del paese caucasico contraddice quelli che sono gli stessi valori fondanti del Consiglio d’Europa.

Nella repubblica caucasica democrazia e diritti non tengono il passo del dinamismo economico. Nonostante tutte le problematicità che il paese caucasico riscontra proprio sotto il punto di vista dei diritti umani e civili e delle libertà individuali, nel 2001 l’Azerbaigian venne ammesso all’interno del Consiglio d’Europa, con la speranza che questo ingresso potesse, nel giro di qualche anno, portare a una liberalizzazione della politica e a un miglioramento generale della condizione dei diritti umani. Così però non è stato, e l’Azerbaigian dal punto di vista della democrazia e delle libertà civili, dopo oltre un decennio di governo di Ilham Aliyev, si trova attualmente in condizioni addirittura peggiori rispetto a tredici anni fa. Viene classificato da Freedom House come paese “non libero”, unico caso tra le tre repubbliche del Caucaso, a causa del bassissimo indice di democrazia che caratterizza la nazione. Si calcola che attualmente in Azerbaigian ci siano più di un centinaio di prigionieri politici, tra i quali si contano membri dell’opposizione, attivisti, blogger o giornalisti, arrestati spesso grazie a false accuse come il possesso illegale di sostanze stupefacenti o di armi, e incarcerati in seguito a processi farsa.

La questione non è passata inosservata all’influente think tank European Stability Initiative (ESI), che ha pubblicato svariati rapporti dedicati all’Azerbaijan e in particolare alle relazioni di quest’ultimo con istituzioni come il CoE, l’OSCE e il Parlamento europeo.

Per denunciare la problematica situazione dei diritti umani nel paese caucasico, l’ESI ha dunque inviato a 125 membri ed ex membri dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio D’Europa (PACE) una lettera aperta, nella quale ha esortato a trovare una soluzione riguardo alla questione dei prigionieri politici in Azerbaigian, concludendo :“Mentre l’Azerbaijan si appresta a guidare il Consiglio dei ministri del CoE, nel paese non ci sono mai stati così tanti prigionieri politici come ora. E questo non dovrebbe accadere in nessuno stato membro del Consiglio d’Europa”

Baku 4

Il 12 maggio scorso si è tenuta a Bruxelles, presso la sede del Parlamento europeo, l’iniziativa “Baku Games – Run for Human Rights”. L’iniziativa, promossa dalla vicepresidente del Parlamento europeo, Ulrike Lunacek, ha visto un dibattito al quale hanno preso parte diversi rappresentanti del Parlamento Europeo e di enti internazionali. L’auspicio delle organizzazioni è che l’appello alla liberazione degli attivisti arrivi al destinatario.

Negli scorsi giorni il relatore speciale delle Nazioni Unite sul tema dei diritti umani Michel Forst assieme alla Rappresentante dell’OSCE per la libertà dei media Dunja Mijatovic e a Nils Muižnieks, Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, hanno chiesto la liberazione dei detenuti politici e un impegno concreto agli atleti che si contenderanno le medaglie a Baku.

Se riconosciamo un’etica dello sport, può un paese che viola le più elementari libertà democratiche ospitare una manifestazione di tale calibro?.

Francesca Mastronardi

Graduate of Democracy 2015

(With thanks to Elena Zurli for the translation)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s